Io amo Lei (un buon motivo per salvarmi la vita)

Io non ero mai stato felice, poi un giorno mi sono iscritto ai terroristi.

Mia madre non era d’accordo, diceva che quella del terrorismo era solo un’altra stupida moda, un po’ come il sudocu, le dottormartins e razzol e che se volevo davvero cambiare il mondo dovevo iscrivermi all’azione cattolica.

Io ero sempre stato infelice, poi i capi del terrorismo mi hanno affidato una strage ma ho fatto irruzione nell’appartamento sbagliato.

Toc toc.
“Chi è?”
“Terroristi!”
Sento Lei sorridere.
Apre la porta. La guardo, Lei mi guarda.
Vedo Lei ridere.

Io non avevo mai amato, poi un giorno ho bussato ad una porta con una mitraglietta in mano ed ho trovato Lei, la donna della mia vita.

“Scusami”, ride Lei, “sei così buffo”.
Mi invita ad entrare, “la mitraglietta puoi lasciarla nel portaombrelli”.
Cammina a piedi nudi, veste una maglia lunga che le copre il culo.
“Stavo dormendo”, si scusa Lei.
“Figurati”, le dico io.
Seguo i suoi lunghi capelli biondi fino in soggiorno, mi fa accomodare.

Poi le chiedo “ti ricordi di me?”1
Sorride, mi dice che “sì, forse mi ricordo”.
Ora Lei raccoglie i capelli da un lato, scopre un nome tatuato sul collo.
Chiedo a Lei “è il tuo nome?”
Scuote la testa.
“E’ il nome di nostra figlia”, sussurra.

Io non ero mai stato felice e volevo spaccare il mondo in quattro, poi ho conosciuto Lei e per la prima volta ho avuto paura di morire.

Sento che sto per mancare.
“Sto per cadere fuori dai tuoi occhi”, le dico.
Mi trattiene.

“Resta con me”, mi dice.
“Posso amarti?”, le dico.
Lei dice “sì”.

Io non avevo mai amato, poi un giorno ho incontrato Lei e per la prima volta in vita mia ho desiderato salvarmi la vita.

E vaffanculo il terrorismo e tutto il resto.

1La prima volta che ho incontrato la donna della mia vita avevo sette anni.
“Vuoi giocare con me?”
“No”, mi risponde categoricamente Lei.
La seconda volta che ho incontrato la donna della mia vita avevo sedici anni.
Lei pomicia con un ragazzo dai capelli rossi.
La terza volta che ho incontrato la donna della mia vita avevo ventiquattro anni.
Sono troppo infelice per accorgermi di Lei.

“Io amo Lei (un buon motivo per salvarmi la vita)” ha partecipato al Contest di narrativa basato sulla celebre canzone “Io amo lei” dei Diaframma organizzato da This Is Not A Love Song.
Uscendone sconfitto.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Rispondi