CategorieLetture

A proposito dell’amore e del sangue

A

Per un lunghissimo periodo della mia vita ho privilegiato la lettura di libri che trattavano temi di marginalità, disagio, violenza, politica, musica, cinema, amore, fantascienza. Negli ultimi anni ho invece scelto, più o meno consapevolmente, di affrontare perlopiù romanzi più o meno biografici incentrati su rapporti di sangue – solo nell’ultimo mese, per esempio, ne ho letti quattro. Se...

Giorni da astronauta

G

La prima volta che Riccardo Marra mi ha parlato del suo cosmonauta era il 2019. Nel frattempo cʼè stata una pandemia e Fausto Cutugno – uomo dello spazio dal cognome da “italiano vero” – ha preso la strada per le stelle e poi è riatterrato, è diventato un eroe ed è infine tornato a casa sua, in provincia, in Sicilia, dove Riccardo lo ha finalmente accolto e costretto in un libro, «Giorni da...

La morte dei caprioli belli

L

C’è un libro che può far del bene, ed è ambientato attorno al laghetto del paesino di Buštěhrad, in Boemia. Quando quel libro che può far del bene viene pubblicato in Cecoslovacchia è il 1971 e il suo autore, Ota Pavel, giornalista sportivo e scrittore, ha 41 anni e sta tirando le fila di una vita più che complicata, nella quale ha già affrontato un conflitto mondiale, l’occupazione nazista della...

Tanti auguri, Eugenio

T

Questa mattina mi sono svegliato alquanto di malumore, poi ho letto che oggi Eugenio Montale avrebbe compiuto 125 anni. Ho allora preso in mano il poco pratico – e quasi intonso – tomo di mille pagine contenente tutte le poesie del premio Nobel che regalai alla mia fidanzata per il suo compleanno di dieci anni fa, lʼho aperto a caso. Ero certo di trovare una poesia bellissima, Eugenio – e allo...

Cosa importa?

C

Qualcuno ha cominciato, di sicuro. Cʼerano scontri ovunque. Fumo e sangue per terra, i vetri sfondati. Pugni allo stadio, tafferugli in piazza, risse tra bande, sparatorie tra gang. Se sono arrivate prima le aggressioni o le ribellioni, le barricate o i checkpoint, le sparatorie o le sassaiole, lʼintervento dellʼesercito o quello degli americani, cosa importa? Alla fine, siamo finiti così.Marco...

Elpenore

E

C’è un personaggio minore dell’Odissea che mi ha sempre commosso, un compagno di Ulisse chiamato Elpenore. Appare nel poema giusto il tempo di uscirne in modo catastrofico poche sillabe dopo. Liberi dai sortilegi di Circe, i Greci sono finalmente pronti a riprendere il mare. Elpenore viene richiamato mentre dorme dopo i festeggiamenti, smaltendo la sbronza sul tetto di una casa. Si sveglia, ma...

Continuo a non morire

C

La mia amica Ruth Zylberman mi manda due brevi lettere scritte da un bambino di otto anni alla nonna durante le purghe del 1936 in Unione Sovietica. Ecco la prima: «Cara babuška, non sono ancora morto. Sei la sola persona che mi resta al mondo e io sono la sola che resta a te. Se non muoio, quando sarò grande e tu sarai molto vecchia, lavorerò e mi prenderò cura di te. Tuo nipote Gavrik». La...

La famiglia Glass. Cronologia

L

Il primo febbraio 2019, nove anni dopo la morte dello scrittore J.D. Salinger, il figlio Matthew ha concesso un’intervista a Lidija Haas del «Guardian» annunciando una prossima pubblicazione delle tante storie scritte e mai pubblicate dal padre durante i suoi quarantacinque anni di volontario silenzio. Matt Salinger non ha fornito dettagli ma la giornalista ha annunciato che tra i nuovi scritti...

Antonio Coletta

Antonio Coletta è autore, ufficio stampa e redattore editoriale freelance. Ha fondato numerosi blog e strambe webzine e collaborato con molte testate e troppi siti internet. Ha raccontato la sua fallimentare esperienza di addetto stampa del cantautore Calcutta in «Calcutta. Amatevi in disparte» (Arcana, 2018), pubblicato la raccolta di racconti «Mia madre astronauta» (Ultra, 2019) e partecipato all'antologia «Qui giace un poeta» (Jimenez, 2020) con un racconto su Roberto Bolaño.

Contattami