Quando un uomo con la mascherina incontra un uomo senza mascherina eccetera eccetera

Q

Pomeriggio, balcone su strada isolata di campagna. Vedo passare un tizio senza mascherina. Gli urlo “maledetto, metti la mascherina!”. Si guarda attorno, rallenta, scendo in strada, gli urlo “bastardo, mettila”. È fermo a duecento metri, mi guarda, mi avvicino, indietreggia, gli urlo “allora non hai capito niente, metti la mascherina, cretino!”. Mi avvicino sempre più, lui indietreggia sempre più, inciampa in un sasso, gli sono addosso, incollo la fronte alla sua. “METTI UNA CAZZO DI MASCHERINA, IMBECILLE”, gli urlo “O SARÒ COSTRETTO A ROMPERTI LE OSSA!”. Il tizio tira fuori da una tasca la sua mascherina, la indossa. È una chirurgica personalizzata, c’è scritto – Benvenuto nel Covid -. Realizzo in quel momento che, accecato dalla visione di un uomo senza mascherina, avevo dimenticato di indossare la mia FFP3.

A proposito dell'autore

Antonio Coletta

Antonio Coletta è autore, ufficio stampa e redattore editoriale freelance. Ha fondato numerosi blog e strambe webzine e collaborato con molte testate e troppi siti internet. Ha raccontato la sua fallimentare esperienza di addetto stampa del cantautore Calcutta in «Calcutta. Amatevi in disparte» (Arcana, 2018), pubblicato la raccolta di racconti «Mia madre astronauta» (Ultra, 2019) e partecipato all'antologia «Qui giace un poeta» (Jimenez, 2020) con un racconto su Roberto Bolaño.

Commenta questo post

Antonio Coletta

Antonio Coletta è autore, ufficio stampa e redattore editoriale freelance. Ha fondato numerosi blog e strambe webzine e collaborato con molte testate e troppi siti internet. Ha raccontato la sua fallimentare esperienza di addetto stampa del cantautore Calcutta in «Calcutta. Amatevi in disparte» (Arcana, 2018), pubblicato la raccolta di racconti «Mia madre astronauta» (Ultra, 2019) e partecipato all'antologia «Qui giace un poeta» (Jimenez, 2020) con un racconto su Roberto Bolaño.

Contattami